sez. 8.3.12 – Il ponte sul Garigliano da Latina-oggi.it del 5/3/2012 IL REAL PONTE ALL’UNESCO Pure la soprintendenza dà l’ok per inserire il monumento nel patrimonio dell’umanitàL’INCLUSIONE del ponte borbonico sul Garigliano nella lista del patrimonio mondiale dell’Unesco, è ormai una realtà. Dopo l’ok del commissario straordinario del Comune di Minturno, Vincenzo Greco, anche la Soprintendenza ha dato l’ok al prestigioso riconoscimento.

La nota ufficiale della Soprintendenza di Caserta e Benevento, attraverso la responsabile Paola Raffaella David, ha dato l’ok asserendo che la struttura del Real Ferdinando è «unesempio illustre di realizzazione della scienza ingegneristica meridionale e come testimonianza della battaglia del 29ottobre 1860». La stessa Sopr i n t e n d e n z a , per poter redigere la proposta da inviare all’ufficio Unesco del Ministero dei Beni e le attività culturali, ha dichiarato la propria disponibilità ad integrare la propria documentazione con altro materiale che le sarà inviato. E in merito di documenti ce ne sono tanti grazie agli studi e le pubblicazioni dei vari Mario Tuccinardi, Angelo De Santis e Cosmo Damiano Pontecorvo, fautore di questo importante progetto da oltre due anni. Il ponte fu progettato dall’ingegnere Luigi Giura, direttore della scuola di Applicazione in ponti e strade di Napoli e realizzato tra il 1828 e il 1832. Fu poi distrutto nel periodo bellico, ma fu poi ricostruito agli inizi degli anni 90 e poi terminato nel 1998. Oggi si può ammirare di fianco al vecchio ponte, dove ancora transitano le auto del traffico locale, in quanto per quello veloce i veicoli percorrono la variante Appia transitando sul ponte strallato. Il riconoscimento del Real Ferdinando valorizzerebbe adeguatamente un monumento simbolo della terra aurunca, «testimone» della battaglia del 29 ottobre 1860; una tappa importante dello scontro tra il Regno di Sardegna e quello delle Due Sicilie e della lotta per l’unità d’Italia. Ma soprattutto ridarebbe slancio al settore turistico che purtroppo è sempre stato perennemente ignorato dalle varie classi dirigenti che sisono avvicendate al governo. Il riconoscimento del ponte costituisce sicuramente un arricchimento dell’imponente patrimonio storico di una città, che può vantare testimonianze archeologiche in varie parti del mondo. G.C.

Pages: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71