– Werrewn Mosler: Uscire dall’euro e non pagare il debito per azzerare la disoccupazione

da byoblu.com

 

 

 

———————–

– L’ Italia nelle mani del Bilderberg e soci

di Ida Magli, da come donchisciotte.org

 

Siamo stretti alla gola, immobilizzati, ridotti alla paralisi davanti a un suicidio al giorno, perché ci troviamo nelle mani di banchieri che non sono soltanto banchieri ma anche membri della Commissione Trilaterale, del Club Bilderberg, dell’Aspen Institute, associazioni massoniche che gestiscono in Europa il potere ai massimi livelli e che non lavorano per noi ma per realizzare il Governo mondiale. L’Italia ne dipende in assoluto perché sono sempre appartenuti a qualcuna di queste associazioni i massimi esponenti dei partiti di sinistra.

Nel suo prezioso “angolo” del “Giornale” Paolo Granzotto elenca fra i nomi dei possibili candidati alla presidenza della Repubblica quelli di Giuliano Amato, Romano Prodi, Mario Monti, tutti importantissimi membri del Bilderberg, dell’Aspen Institut, della Trilateral Commission e operatori del governo mondiale. È il motivo principale per il quale bisognerebbe realizzare la proposta del Pdl di far eleggere il presidente della repubblica dai cittadini, unico sistema per sfuggire al nostro eterno destino di avere un presidente scelto da queste associazioni.

Continua a leggere su:

http://www.comedonchisciotte.org/site//modules.php?name=News&file=article&sid=10377

 

———————-

– Lilly Gruber nella lista dei partecipanti al summit Bildeberg 2012

da altra informazione.it

Il Club Bildeberg si sta riunendo in questi giorni al Mariott Westfields Hotel di Chantilly (Washington). Oltre ai banchieri che finanziano il Club dirigendone i lavori, partecipano uomini politici, giornalisti, imprenditori e personalità di spicco della società. Ma cosa staranno discutendo di così riservato da non poterlo riferire in parlamento? Di certo sappiamo però che si tratta di programmi che i popoli non devono conoscere altrimenti non avrebbero motivo di riunirsi a porte chiuse. L’elite sta infatti stabilendo i criteri per gestire l’attuale crisi economica con cui daranno un colpo di accelerazione al processo di globalizzazione. Alla caduta dell’euro quindi non seguirà il ritorno alle valute nazionali ma al contrario assisteremo alla nascita della nuova moneta unica mondiale.

Continua a leggere su:

http://www.altrainformazione.it/wp/2012/06/01/lilly-gruber-nella-lista-dei-partecipanti-al-summit-bildeberg-2012/

 

 

 

 

———————–

– Incatenati al terremoto

di Paolo Barnard, da paolobarnard.info

Del fatto che siamo stati quasi tutti, noi gente normale, ficcati in una galera e chiusi in 2 metri quadri di cella legati al muro con una catena, ci si rendo conto soprattutto quando c’è il terremoto. Inizia a tremare la terra e d’istinto vorremmo precipitarci verso l’uscita, ma ecco che la catena si tende e rimaniamo lì, sotto i crolli. Che poi sono ancor più micidiali per il fatto di essere rinchiusi in uno spazio così angusto.

Questa perfetta semi-metafora, descrive in modo terribile quello che stanno passando i terremotati emiliani in queste ore, ciò che hanno passato gli aquilani, tutti all’interno dell’Eurozona.

Ci hanno chiusi e incatenati nell’Eurozona e nel Fiscal Compact, noi e il nostro Stato, e ora che lo Stato dovrebbe salvarci dai crolli economici e anche fisici di questi mesi, incluso il disastro emiliano, nulla è possibile, siamo incatenati e dobbiamo soffrire, per generazioni. Mentre invece tutto sarebbe risolvibile in poche ore, nella parte decisionale, e i pochi mesi nella parte esecutiva.

Continua a leggere su:

http://www.paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=389

 

————————-

– Il moto elicoidale della storia: accettasi scommesse al di là del Bene e del Male

da mond-art.blogspot.it

Bene: è giunto il momento di cercare di operare una sintesi tra tutti i dati finora raccolti, dati che, nonostante tutto, ancora non hanno una loro organicità, una chiara logica interpretativa, un coerente legante interno. Troppe restano le contraddizioni, e troppe le domande senza risposta: la prima delle quali è: “PERCHE’ ??” … Se è infatti a questo punto evidente che la classe dominante stia seguendo un proprio preciso progetto che a noi non viene comunicato, restano per ora senza risposta alcuni forti interrogativi: vediamoli, e poi vediamo se riusciamo a formulare una più coerente teoria storica avvalendoci di tutte le teorizzazioni fin qui enunciate: teorizzazioni a cui manca ancora la “chiave di volta”, la chiusura del cerchio, la chiara visione della loro escatologia finale.

Continua a leggere su:

http://mon-dart.blogspot.it/2012/05/il-moto-elicoidale-della-storia.html

 

 

Pages: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57